PEC: mbac-ic-a[at]mailcert.beniculturali.it   e-mail: ic-a[at]beniculturali.it   tel: (+39) 06 5196.0286

Istituto Centrale per gli Archivi - ICAR


Archivi e modernità: nuove prospettive di ricerca

Università degli Studi di Pisa, 
Centro cogressi Le Benedettine, Piazza S. Paolo a Ripa d'Arno 16, Pisa
3 e 4 giugno 2019

PRESENTAZIONE

Secondo una visione a lungo dominante tanto tra gli storici quanto tra gli studiosi di archivistica, la creazione di archivi – in particolare degli archivi cancellereschi e dei grandi depositi di Stato – rappresenta, al tempo stesso, l’espressione e lo strumento della statualità moderna.

La fase cruciale di questo processo viene fatta coincidere con l’affermazione delle monarchie centralizzatrici, che avrebbero usato gli archivi come arsenali della propria autorità. L’archivio sarebbe dunque il riflesso dell’istituzione che l’ha prodotto e, specialmente nella tradizione italiana di archivistica “storica” e di storia istituzionale della politica, la chiave di accesso allo Stato moderno.

Già messi in dubbio da archivisti e storici dell’archivistica, questi capisaldi concettuali sono stati profondamente rivisitati negli ultimi decenni, allorché si è affermata una nuova storia culturale degli archivi: molti storici (della scienza, della cultura, dell’informazione) hanno affiancato gli archivisti in stimolanti riflessioni sulle dinamiche di produzione, selezione, conservazione, distruzione e “messa in forma” della documentazione, superando l’idea secondo cui gli archivi rappresentano il mero riflesso delle istituzioni che li hanno creati e lo strumento della statualità moderna. In effetti, a un esame ravvicinato, l’archivio appare l’esito di contingenze materiali e di rappresentazioni culturali molto complesse e non sempre lineari.

Il convegno ha l’obiettivo di fare il punto su tali tendenze storiografiche e interpretative e si compone di due momenti: in un primo incontro, nel pomeriggio di lunedì 3 giugno, alcuni studiosi protagonisti del nuovo archival turn internazionale parleranno dei loro recenti lavori e progetti di ricerca; nella mattinata di martedì 4 giugno, saranno invece affrontate le questioni relative alla gestione e all’utilizzo degli archivi in un’ottica sovrastatale e transnazionale, anche in riferimento alle più recenti pratiche di digitalizzazione.

PROGRAMMA

3 giugno 2019, ore 14:00

Saluti
Pierluigi Barrotta, direttore del Dipartimento di Civiltà e Forme del Sapere, Università di Pisa
Stefano Vitali, direttore dell’Istituto Centrale per gli Archivi

Introduzione ai lavori
Cristina Moro, Università di Pisa

Presidenza
Massimo Sanacore, direttore dell’Archivio di Stato di Pisa

Progetti di ricerca
Informazione e potere negli archivi degli stati italiani tra Cinque e Seicento
Filippo De Vivo, Birkbeck College, Londra 
Remodeling archival research and data treatment: the VINCULUM project (ERC CoG 2018)
Maria De Lurdes Rosa, Universidade Nova, Lisbona

Pausa caffè, ore 15:45

Presidenza
ore 16:00
Roberto Bizzocchi, Università di Pisa

Libri recenti
Archives and modernity: from a European to a global perspective
Markus Friedrick, Universität Hamburg
Quando Napoleone confiscò la storia. Archivi e imperi tra età moderna e contemporanea
Maria Pia Donato, CNRS, IHMC - ENS, Parigi
Archivi della Chiesa, dai centri alle comunità locali
Angelo Turchini, Università di Bologna

Dibattito animato da Stefano Vitali, Istituto Centrale per gli Archivi
 

4 giugno 2019, ore 9:00

Presidenza
Giovanni Pizzorusso, Università di Chieti-Pescara

Archivi del mondo
Dialogues trans-impériaux. Registres de catholicité et recensements dans le XVIIIe siècle hispano- américain
Jean-Paul Zuñiga, EHESS, Parigi
Reconstruire les archives africaines depuis les archives impériales et coloniales
Caterina Madeira Santos, EHESS, Parigi
Archivi contesi: la politica dell’ottomanismo contro le nuove tendenze storiografiche negli archivi ottomani
Çiğdem Oğuz, Università Federico II, Napoli

Pausa caffè, ore 10:45

Presidenza
ore 11:00
Mons. Gaetano Zito, Presidente dell’Associazione Archivistica Ecclesiastica

Nuove frontiere
Il Sessantotto e la memoria degli studenti
Andrea Giorgi, Università di Trento
Leonardo Mineo, Università di Torino
Archivi digitali nel Mediterraneo: forme alternative di narrazione di memorie e resistenze
Olga Solombrino, Università Federico II, Napoli

Dibattito animato da Mariella Guercio, Associazione Nazionale Archivistica Italiana

 

Comitato scientifico
Roberto Bizzocchi, Maria Pia Donato, Mariella Guercio, Cristina Moro, Arturo Pacini, Stefano Vitali

Comitato organizzativo
Alessandro Buono, Matteo Giuli
 

Scarica il programma  (file pdf - 382 Kb)



Ultimo aggiornamento: 07/11/2020