PEC: mbac-ic-a[at]mailcert.beniculturali.it   e-mail: ic-a[at]beniculturali.it   tel: (+39) 06 5196.0286

Istituto Centrale per gli Archivi - ICAR

Prima pagina del quotidiano «Corriere della Sera» del 13 dicembre 1969 all'indomani dell'attentato alla Banca nazionale dell'agricoltura (Centro documentazione archivio Flamigni onlus, Fondo Flamigni Sergio)


Principali entità e relazioni rappresentate nel Portale

Il modello concettuale posto a fondamento dell’architettura informativa del Portale della Rete degli Archivi per non dimenticare vede collocata al centro la classe Evento, entità che costituisce il punto di convergenza o di diramazione di molteplici relazioni con le altre entità che popolano il dominio, le principali delle quali sono Agente (ossia le Persone o le Organizzazioni e le Istituzioni a vario titolo coinvolte negli Eventi descritti), Luogo (per collocare nello spazio gli Eventi descritti) e Tempo (per collocare tali Eventi con precisione dal punto di vista cronologico).

Evento è l’entità definita come qualcosa che è accaduto nello spazio e nel tempo”. Un evento è individuato nel flusso della realtà da una denominazione e da precisi riferimenti temporali e spaziali, allo scopo di evidenziarlo come entità di cui si possono predicare cose attraverso attributi descrittivi e/o relazioni dirette con persone, organizzazioni, luoghi, contesti storici, classificazioni tipologiche, o documentazione archivistica. L’Evento può essere messo in relazione ad altri Eventi attraverso collegamenti di natura semantica esplicita (es. haEventoCollegato; haEventoDerivato, ecc.). Nell’ambito del Portale, nel più ampio concetto di Evento sono state individuate, allo stato attuale dei lavori, tre sottotipologie che rappresentano tre fattispecie di Evento, le quali ereditano dalla classe superiore gli attributi di carattere generale e si tipizzano in base alla presenza di elementi informativi peculiari:

  • Fatto storico: sottoclasse di Evento, definita allo scopo di individuare tipologie di eventi che hanno avuto rilevanza nella storia e nella cronaca nazionale, con particolare rilievo dato alle tematiche proprie del portale (fatti di terrorismo, criminalità organizzata, violenza politica). La riconduzione di ciascun Fatto storico alla specifica tipologia è raggiunta ponendolo in relazione ad una voce della tassonomia di riferimento (cfr. Classificazione tipologica);
  • Evento giudiziario: sottoclasse di Evento corrispondente ai procedimenti giudiziari collegati ai Fatti storici; il riferimento attiene principalmente ai processi di cui sono descritti, nel Portale, i fascicoli processuali e le sentenze;
  • Evento celebrativo: sottoclasse di Evento riferibile a eventi di carattere comunicativo, commemorativo o celebrativo rilevati nel portale (celebrazioni, convegni, concorsi, iniziative di varia natura).

Agente è l’entità definita come “Persona o Organizzazione coinvolta a vario titolo negli eventi o sub-eventi descritti o nei loro effetti” (“vittime”). Nel modello il termine Agente, introdotto in consonanza con la maggior parte degli schemi concettuali evento-centrici esistenti, assume cioè un valore semantico sfumato rispetto all’azione descritta, avvicinandosi molto più a quello di Soggetto in tale azione coinvolto. Con riferimento allo specifico dominio trattato, la classe Agente è vista come fondamentalmente articolabile in tre sottoclassi:

  • Persona: rappresenta individui a vario titolo collegabili agli eventi citati. Il loro ruolo (vittima, imputato, condannato, etc.) rispetto all’Evento viene esplicitato dalla semantica della specifica relazione.
  • Organizzazione: corpo organizzato, associazione di persone collegate tra loro in una struttura organica per cooperare a un fine comune; nel modello logico del Portale si tratta di organizzazioni a vario titolo collegabili agli eventi citati e/o al contesto storico. Il loro ruolo rispetto all’evento viene esplicitato dalla semantica della specifica relazione, così come la loro collocazione nella ricostruzione del contesto.
  • Istituzione: Organo o ente istituito per un determinato fine, formato da un insieme di ruoli stabilizzati da apposite strutture normative, che con le loro interrelazioni determinano una struttura organizzata.
    • Ufficio: sotto entità del tipo Istituzione, dedicata esclusivamente alla rappresentazione degli uffici attivi (con un determinato ruolo).

La scelta di questo modello di rappresentazione dell’informazione, che evita in linea generale di tipizzare direttamente le entità Persone, Organizzazioni o Istituzioni, e affida ruoli e categorizzazioni alla semantica delle relazioni tra queste e specifici lassi spazio-temporali (gli Eventi appunto), deriva dalla considerazione che lo stesso Agente può essere classificato diversamente a seconda dell’Evento cui risulta collegato.

Luogo: entità che descrive uno spazio circoscritto riconducibile a entità geografica; è riferito a questa entità qualunque elemento informativo del Portale che debba essere ricondotto ad una collocazione spaziale. Nel modello sono state individuate due specifiche sottoclassi:

  • Luogo dell‘evento: entità che individua puntualmente il luogo in cui si è svolto un evento (es. Stazione di Bologna);
  • Luogo geografico: entità che descrive uno spazio circoscritto riconducibile a entità geografica (verosimilmente di tipo amministrativo-territoriale: es. comune di Bologna);

Indirizzo: nel modello è l’entità che rappresenta una localizzazione topografica specifica; è posta in relazione con un Luogo (o una sua sottoclasse);

Geometria allo stesso modo è nel modello l’entità che rappresenta uno spazio geometrico riferito ad un territorio (puntuale o areale); è posta anch’essa in relazione con un Luogo (o una sua sottoclasse);

Tempo: rappresenta una entità temporale generica (con propri attributi e caratteristiche come sistemi di riferimento temporali, modalità di rappresentazione, etc.); è riferito a questa entità qualunque elemento della struttura informativa del Portale debba essere ricondotto ad una collocazione temporale. Nel modello sono state individuate, sulla scorta della Time ontology del W3C, due specifiche sottoclassi:

  • Istante: entità che rappresenta un istante temporale specifico (es. Strage di Bologna: 2 agosto 1980);
  • Intervallo: entità che rappresenta un arco cronologico caratterizzato da un inizio ed una fine (es. sequestro Moro: 16 marzo 1978 – 9 maggio 1978).

Contesto: l’entità è definita come insieme di fenomeni coerenti o manifestazioni politico-culturali delimitate nel tempo e nello spazio convenzionalmente denominati (es. strategia della tensione, terrorismo altoatesino, etc.). Costituisce, anche dal punto di vista informativo, una novità sostanziale del nuovo Portale. Agli specifici Contesti introdotti nel sistema sono relazionati Eventi ed Agenti (con le relative sottoclassi).

Provenienza: questa tipologia informativa è stata introdotta allo scopo di attribuire una origine alle attività di individuazione e descrizione delle entità presenti nel portale esplicitandone, attraverso opportune relazioni semantiche, la Fonte (bibliografica o archivistica) insieme al relativo contesto di produzione (editoriale o archivistico), ma anche la responsabilità della sua elaborazione e pubblicazione sul Portale.

Le entità Fonte archivistica e Fonte bibliografica (citazione bibliografica) sono nativamente collocate e definite nella loro struttura informativa peculiare all’interno della piattaforma metaFAD adottata come soluzione tecnologica.

Sono stati inoltre previsti degli elementi di aggregazione introdotti per costruire all’interno del Portale bacini informativi e percorsi di navigazione dinamici e trasversali. Allo stato attuale dei lavori si possono indicare:

  • Classificazione tipologica: criterio aggregativo posto su base tematica in relazione ai contenuti trattati dal dominio, con finalità di categorizzazione dei contenuti destinate prevalentemente ad orientarne accesso e fruizione;
  • Percorso didattico: entità che delinea un percorso formativo destinato principalmente alle scuole, elaborato sulla base dei contenuti informativi e documentali offerti dal portale.

Il modello si completa poi con le entità più propriamente riferibili al dominio della descrizione archivistica. In aggiunta a quelle canoniche (Complesso archivistico, Unità archivistica, Soggetto conservatore, Soggetto produttore), sono state introdotte altre entità archivisticamente rilevanti nel Portale e che assumono nel modello proposto una specifica valenza:

  • Fascicolo processuale: rappresenta una tipologia peculiare di aggregazione archivistica, che raccoglie le carte di un determinato procedimento giudiziario, le quali a loro volta possono includere, per competenza, atti e documenti riferibili a eventi giudiziari collegati;
  • Oggetto digitale: entità che rappresenta una unità discreta di informazione memorizzata in forma digitale;
  • Collezione: entità che nel modello rappresenta una aggregazione di unità documentarie digitali con i propri metadati di qualunque tipologia (documento, foto, audiovisivo, oggetti digitali in generale) non riconducibile ai canonici livelli di descrizione archivistica.


Ultimo aggiornamento: 07/11/2020