PEC: mbac-ic-a[at]mailcert.beniculturali.it   e-mail: ic-a[at]beniculturali.it   tel: (+39) 06 5196.0286

Istituto Centrale per gli Archivi - ICAR

Mobilitazione di massa contro il terrorismo, manifesto, Torino 1979 (Fondazione Vera Nocentini, Fondo Confederazione italiana sindacati lavoratori. Unione sindacale territoriale di Torino, inv. 862, n.cat. R0388872)


Strumenti di authority e di contestualizzazione

Tra gli elementi maggiormente qualificanti del progetto di Reingegnerizzazione del Portale Rete degli Archivi per non dimenticare va certamente menzionata l’attività di definizione di liste di autorità e tassonomie per controllare, strutturare e organizzare la conoscenza di dominio resa fruibile dal sistema.

Le attività di predisposizione degli strumenti di authority in corso, che vedono una intensa collaborazione con gli esperti di dominio del Centro di documentazione Archivio Flamigni sia per la normalizzazione e la validazione delle informazioni recuperate dai contenuti già presenti nella prima versione del Portale, in molti casi ampiamente integrati, sia per la redazione di nuovi contenuti informativi, si riferiscono ad alcune specifiche entità del modello complessivo: Agenti (Persone e Organizzazioni), Eventi e Contesti.

Gli strumenti di authority e i vocabolari controllati che l’ICAR sta realizzando in questo come in altri contesti operativi, quali supporto fondamentale alla descrizione e alla contestualizzazione del patrimonio documentario, portano al duplice vantaggio di normalizzare, attraverso il controllo d’autorità, le informazioni, evitando la frammentazione degli interventi, e di favorire l’integrazione a livello logico dei dati, aumentandone esponenzialmente il livello di fruibilità.

Allo scopo di renderli facilmente riusabili, integrabili e referenziabili da parte di qualunque contesto informativo, è opportuno che questi strumenti siano realizzati ricorrendo a specifici formati di rappresentazione della conoscenza, come quelli proposti dal Semantic Web (SKOS e OWL) adottati per gli authority del Portale Memoria, che hanno così la possibilità di garantire elevati livelli di interoperabilità con altra conoscenza di dominio formalizzata.

Per quanto riguarda strumenti di valenza più generale già disponibili, la lista di autorità di riferimento per la classe Luogo nel nuovo Portale Memoria è rappresentata dalle unità territoriali descritte in formato OWL nell’Atlante storico istituzionale dell’Italia unita, un repertorio di autorità realizzato e gestito dall’ICAR che descrive ogni comune, provincia e regione dello Stato unitario in tutte le sue evoluzioni politico amministrative (a cominciare dalla denominazione assunta nel tempo) dal 1861 ai giorni nostri. Altre authority di riferimento generale di potenziale interesse sono le liste di soggetti conservatori e di soggetti produttori derivati dai sistemi archivistici nazionali afferenti al SAN.

 

Attraverso il nuovo Portale Memoria verranno poi evidenziate le fonti archivistiche, conservate in archivi pubblici e privati, rilevanti per lo studio del terrorismo, dello stragismo e degli altri fenomeni storici in esso documentati. Diversamente dalla configurazione dell’attuale Portale, nel quale le descrizioni dei complessi archivistici censiti sono derivate dal Catalogo delle risorse archivistiche del Sistema archivistico nazionale, nel nuovo sistema esse saranno attinte direttamente dai sistemi informativi originari ed in particolare dai sistemi nazionali SIUSA e SIAS.

Il progetto ha previsto pertanto la definizione di un componente per l’interoperabilità via OAI PMH fra tali sistemi e il nuovo Portale, basato sui formati di scambio in EAD3 ed EAC (CPF) elaborati dall’ICAR, che consente di garantire un costante allineamento con i dati dei sistemi nazionali SIUSA e SIAS.



Ultimo aggiornamento: 07/11/2020